Porta Pazienza, Sabrina!

“Porta Pazienza, Sabrina” mi dicevano da piccola. Si dice “porta Pazienza” perché la Pazienza non si crea, non si fa (come il Silenzio che viene costruito: “Fa Silenzio, Sabrina!”) ma viene portata, spesso tra grandi fatiche, come quando hanno trasportato i blocchi di pietra per costruire le piramidi.  Fa parte della stessa natura della Pazienza…

“Porta Pazienza” e se portassi del vino?

“Porta Pazienza, Sabrina” mi dicevano da piccola. Si dice “porta Pazienza” perché la Pazienza non si crea, non si fa (come il Silenzio che viene costruito: “Fa Silenzio, Sabrina!”) ma viene portata, spesso tra grandi fatiche, come quando hanno trasportato i blocchi di pietra per costruire le piramidi.  Fa parte della stessa natura della Pazienza…

Discorsi tra melAnz(i)ane

– Dove andremo a finire? Melanzina si è rifatta la polpa, l’ha scritto anche Novella 6000. – Tanto quelle sono tutte finte, tutte rifatte con pomodoro e mozzarella, che credi? – Dici? Secondo me la Melanzotta è una di noi, è vera, ha anche i semi di troppo. – Macché! Credi a tutto tu, è solo…

Il mio grande NO

Il mio no più grande è recente, così recente che se ci penso mi chiedo: “sono stata davvero io a dirlo? Io che sono sempre così insicura su quel che riesco e posso fare?” Si, sono stata io a dire il più grande NO.Uno di quei NO a un’offerta di lavoro che la Sabrina di…

Quarantena ad alto contatto

Sto provando a spiegare alle Ricciole che devono stare a un metro di distanza, almeno dalla mia colazione, ma non vogliono sentire ragioni. Vogliono vivermi in braccio e, da lontano, sembriamo uno strano essere a 3 teste bionde. La mia ancora per poco perché, senza tinta, a breve sarà una testa un po’ argentata, un…

Storie di piccole vite al parco

– Ci lasci questa panchina? Tre bambine mi si piazzano di fronte, in fila, brandendo una barbie nuda a testa. Mi ero appena seduta su una panchina, al parco, per sedare gli strilli di Demi. – Voi non eravate sedute lì, su quella panchina? Temporeggio indicando una panchina a un metro da me, vuota. –…

Semi di gentilezza

Oggi è la giornata mondiale della Gentilezza. Con Burabacio cerco ogni giorno di diffondere piccola gentilezza perché credo che da piccole azioni e piccoli sorrisi possa nascere qualcosa di grande e bello. Dal sorriso di uno sconosciuto a un “grazie” inaspettato, da uno “scusa” detto con il cuore a una porta tenuta aperta, può passare il…

La scatola dei ricordi

Cerco sempre di mettere via qualcosa di buono da ogni giornata. Immagini, attimi, luci perfette, odori, prati verdi, rumore di acqua, bimbe sorridenti, pic nic improvvisati, sono tutte cose da niente che cerco di conservare. Faccende piccine che stanno dentro una scatola piccina: una scatola dei ricordi custodita nel petto. Una scatola in cui ripiegare…

La mia vita di Marc Chagall

Un altro post per la serie Bura-libri ispiranti: La mia vita di Marc Chagall. “Figlio mio, ci sei? Cosa stai facendo? Bella era con te? Vuoi mangiare?” “Guarda, mamma, ti piace?” Osserva il mio quadro con certo occhi, Dio sa quali! Io attendo la sentenza. Alla fine sillaba, lentamente: “si, figlio mio, lo vedo; hai…

L’immaginazione vola

Quando lavoro, se posso, ascolto Radio3. Mi piace per tanti motivi diversi: per i dibattiti, per i gettoni di scienza, per i romanzi che leggono Ad Alta Voce, per i radio documentari, per le vite di persone importanti che raccontano sempre in modo eccezionale. Non ultimo per il concerto del mattino che distende le pieghe…

Il Guardiano del Gatto

Il Guardiano del Gatto è un misterioso cosacco, indossa un casco sulla testa e senza scudo mai resta. Vive in una casetta piccina con pareti di zucchero e fontina. I mobili sono fatti di pancarré e dal rubinetto esce solo té. Tiene sempre in braccio il gatto che si annoia come un matto, vorrebbe balzar…

Parolacce alternative: Orca gioia!

Da un po’ di tempo sto lavorando a una serie di disegni di “parolacce alternative” complici le nostre bura-melle che a breve inizieranno a ripetere quel che diciamo. Tremo al solo pensiero. Inoltre le parolacce alternative possono essere usate in molti altri contesti, anche da chi non ha prole. E poi, se devo dirla tutta,…