Il sapore dell’infanzia

Le pesche ripiene sono un tipico dolce piemontese, se chiudo gli occhi posso sentire ancora il profumo delle pesche che cuociono in forno e rivedo mia nonna aggirarsi per la cucina. In lontananza scorgo anche la polenta dolce appoggiata sul tavolo a raffreddarsi. Sicuramente c’è stato da poco un temporale e l’aria è fresca, nonostante sia…

Storie di Cuore

Quando ero piccola mio padre era investito dell’onere di misurare la pressione ai nonni. Non la misurava con un attrezzo elettronico ma con un misuratore a mercurio. Di solito succedeva la domenica pomeriggio,  sul tavolo della cucina veniva appoggiata la lunga colonna slanciata verso il cielo del misuratore. Intorno al tavolo tutti noi. La linea…

Nonna Gina

Viveva con noi o noi vivevamo con lei, a seconda dei punti di vista. Sferruzzava ogni giorno, seduta su una sedia accanto alla finestra. Faceva maglioni e coperte dai colori improbabili e spesso le coperte si trasformavano in maglioni e viceversa. Non c’era filo che non fosse stato riutilizzato più volte e non c’era coperta…

La violenza domestica non è un affare di famiglia

Oggi è la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Non trovo parole interessanti da aggiungere a questo tema importante, nulla che valga la pena scrivere, se non uno scontato NO alla violenza. Nessun essere vivente dovrebbe subire violenza. Banale, vero? Eppure no, visto che i casi di violenza sulle donne non accennano a diminuire. L’altra settimana ho visto uno spettacolo…

Io non so disegnare ritratti

Io non so disegnare ritratti e sinceramente ne ho sempre avuto una paura folle. Si riconosceranno le persone ritratte? Avrò toccato quella corda segreta che fa di un ritratto IL ritratto? E poi non sempre il ritratto più somigliante è quello che ci rappresenta di più. Eppure, per uno strano gioco del destino, mi sono ritrovata…

La matrioska di abbracci e l’importanza del centro

Qualche mese fa ho disegno un abbraccio di abbracci e qualcuno, non a torto, l’ha battezzato una “Matrioska di abbracci”. Volevo parlare di tepore, di affetto, di protezione e disegnare tante braccia che si contenevano l’una nell’altra. Così ho iniziato a disegnare una persona che ne conteneva un’altra, che ne conteneva un’altra, che ne conteneva un’altra.  Come…

Non è un capello ma un crine di cavallo uscito dal paltò

Fin da quando ero piccola ricordo mio padre cantare questa canzone: “Non è un capello ma un crine di cavallo uscito dal paltò…” Che sarebbe poi una vecchia canzone di Edoardo Vianello. Così ieri, tornata per qualche giorno alla casa del padre (e della madre),  ho scovato in cantina una spazzola di ferro piegata e l’ho presa. …

Sedicesima puntata de La mia Storia dell’Arte: il Tondo Doni

Questa è l’ultima puntata de LA MIA STORIA DELL’ARTE prima delle vacanze estive ma non preoccupatevi: a settembre saremo di nuovo qui e parleremo ancora di arte! Nella scheda opera di oggi, le magnifiche donne di Artkids, ci spiegano il Tondo Doni di Michelangelo Buonarroti: sapete che è la sua unica opera su un supporto mobile? Gli altri sono tutti affreschi!…

I miei genitori vengono da Mercurio.

E i vostri genitori da dove vengono? Leggete il post di Enrica Tesio qui e, visto che domani è la festa del papà, stampate e regalate questo bigliettino “amoroso” al vostro papà! Evviva la minestra, evviva il papà!

Legami Canici

  Ci sono legami di sangue che stanno addormentati sotto la nostra pelliccia, ops volevo dire sotto la nostra pelle, aspettando pazienti il giorno in cui una coda, un odore, una puzza, un pelo incolto, un’orecchia di topo arrivi a risvegliarli. E qui iniziano i problemi! Andare o restare? Seguire la famiglia ritrovata o rimanere…