La creatività gioiosa

Queste ultime settimane Giorgio ed io abbiamo pensato di far conoscere le tempere alle nostre bimbe e regalare loro un pannello enorme su cui colorare (che poi non è bastato perché di colorare non ci si accontenta mai). So che starai per dire: “ma si sporcano e sporcano tutto!” ed è vero, certo che si sporcano,…

Gestire un fallimento

Iniziare non è sempre facile. Iniziare a lavorare con le nostre abilità, su qualcosa che amiamo tanto è molto bello ma a volte anche doloroso. Le critiche ci ferisco di più, facciamo fatica a separare la critica al nostro lavoro dalla critica a noi come persona. Abbiamo paura di fallire proprio perché non sappiamo separare…

Il sapore dell’infanzia

Le pesche ripiene sono un tipico dolce piemontese, se chiudo gli occhi posso sentire ancora il profumo delle pesche che cuociono in forno e rivedo mia nonna aggirarsi per la cucina. In lontananza scorgo anche la polenta dolce appoggiata sul tavolo a raffreddarsi. Sicuramente c’è stato da poco un temporale e l’aria è fresca, nonostante sia…

La mente è una cosa buffa

Siamo portati a dare per scontato le cose buone della nostra vita, le persone, la salute, i giorni di sole. Siamo invece colpiti e quasi offesi dalle cose brutte e dagli imprevisti che ci rovinano i piani: “non me lo merito! Perché è successo a me?” Se ragioniamo così saremo portati ad accumulare cose brutte,…

I sogni nel cassetto fanno la muffa

I sogni nel cassetto fanno la muffa, perché non tirarli fuori uno per volta? Stendili al sole, guardali bene, stira quelli più spiegazzati, rammenda quelli rovinati e appendili in un punto luminoso di casa tua. I sogni dobbiamo averli sempre davanti agli occhi per poterli seguire e poi sono pure belli come elemento d’arredo. I sogni…

Una volta le donne lavoravano per passatempo

“Una volta le donne lavoravano per passatempo quando i bambini erano a scuola o erano casalinghe, ora devono lavorare come gli uomini per mandare avanti la baracca”. Questo non l’ha detto un anziano al bar ma un giovane papà alla riunione dell’asilo nido. Mi sono morsicata la lingua e sono stata zitta, non parlava a…

Il NO ce l’hai in tasca

“Il NO ce l’hai in tasca” soleva dire un mio maestro d’aikido quando praticavamo scoraggiati, senza credere davvero in quel che facevamo.  Spesso il Maestro Masetti ci portava esempi semplici per spiegarci perché quell’atteggiamento non ci avrebbe portato da nessuna parte: “Vuoi invitare una ragazza a uscire con te, come ti comporti? Le elenchi tutti i tuoi…

Chi nasce cerchio non muore quadrato

“Chi nasce cerchio non muore quadrato” Secondo me, invece, noi nasciamo cerchi e rotoliamo, corriamo, cambiamo, impariamo finché non diventiamo quadrati e ci adagiamo su un lato. Non è una cosa brutta, non possiamo essere eterni Peter Pan, anzi qualcuno lo è ma non è che gli si addica molto quella casacca verde. Solo che…

La primavera nei prati

La primavera nei prati, sugli alberi, nei cieli, nelle corse di cani e bambini nei parchi. La primavera con il sole che torna a scaldarci, le fontanelle affollate, la fila di persone fuori dalle gelaterie. La primavera tra le foglie di ogni albero che si veste a festa per onorare maggio. La primavera nei discorsi:…

Un cuore leggero

Non posso dirvi che sarà tutto facile, tutto bello, che non ci saranno difficoltà e sarete sempre le più brave. Posso però dirvi che un cuore leggero vi aiuterà nella vita più di tante altre qualità. Un cuore leggero vi aiuterà più della rabbia che è un buon motore ma alla lunga avvelena le radici…

Come faccio a trovare il mio stile?

La domanda che sento spesso fare da aspiranti illustratori è: “come faccio a trovare il mio stile?” Dal mio punto di vista però c’è un’altra cosa che è importante quanto lo stile ed è il messaggio. Disegnare vuol dire comunicare, parlare per immagini a qualcun altro, non è far vedere quanto siamo bravi. Ogni volta che creiamo…

L’urlo del doppio albatros

(Titolo completo: L’urlo del doppio albatros terrorizza i passanti) Una delle cose più temute dal genitore gemellare è la doppia crisi col doppio pianto urlato, peggio se succede a spasso, peggio se ti coglie da sola a contenerla, peggio se sei a 4 km dalla macchina ed entrambe vogliono stare in braccio a mamma-mamma-mamma. Cosa…