Se esiste un Dio

Se esiste un Dio vive in montagna dentro minuscole chiesette di pietre, col tetto pieno di fiori e un campanile modesto. Se esiste un Dio non ha bisogno di cattedrali enormi e campanili che grattano il cielo. Se esiste un Dio è quello che sa farsi piccino quanto una lumaca per poter guardare negli occhi…

Conciliare lavoro e figli

Lavoro con le mie figlie intorno da quando sono nate, per periodi più o meno lunghi. Quando disegno con entrambe in braccio sono la riproduzione più fedele del Laocoonte in commercio, espressione inclusa. Premesso che ognuno ha i suoi equilibri e che lavorare in beata solitudine rimane il miglior modo per conservare la salute, ti racconto il…

Poi è successo qualcosa

È successo all’improvviso, all’inizio non è scattata la magia di cui tanto si parla. Prima è stata indifferenza, non so chi sei e non ti guardo. Dopo un anno erano morsi, graffi, pianti, “mamma mia, no mia” e dispetti. Tu piangi, io rido. Lancio la sorella contro il muro e vediamo che rumore fa. Sarà…

Riposarsi in un fiordaliso

Vorrei essere tanto piccola da perdermi in una foresta di margherite, tanto piccola da poter riposare in un fiordaliso. Vorrei essere tanto fortunata da poter avere come abito i petali di un papavero, come vicino uno stelo di grano. Vorrei essere un fiore di campo come voi, saper gridare al mondo il mio colore, risplendere…

Se ci credi, credici!

“Se non ci credi, credici” canta Tappo, l’amico coniglio di Winnie the Pooh, in un film. La prima volta che ho ascoltato la canzone di Tappo mi sono messa a ridere, che canzone sciocca! La seconda volta (e la diecimillesima volta) ho pensato: “Tappo ha proprio ragione!” Se ci credi, credici! (mi prendo una licenza poetica)…

Una moltitudine indistinta

I nostri figli non devono mai sentirsi una moltitudine indistinta e compatta nostri occhi. Anche se abbiamo avuto figli a distanza di pochi anni, anche se sono nati insieme come le mie figlie e non hanno conosciuto un solo giorno da figlie uniche, noi genitori dobbiamo farli sentire individui singoli, unici e speciali. Per il…

Oggi guarderai alla fatica o alla soddisfazione?

L’altro anno, a giugno, avevo appena finito di lavorare al Quaderno delle Cose Belle. Come una ciliegia matura, rossa e succosa, il Quaderno era pronto per essere presentato. Mi ricordo la gioia e il timore di non riuscire a spiegare bene cosa fosse, quando mai si era sentito un diario guidato di foto, parole, disegni,…

La Casa

COSA TI VIENE IN MENTE SE DICO LA PAROLA CASA? Molte volte ho ragionato intorno alla parola CASA, come un’esploratrice ho camminato intorno al suo significato, al suo aspetto, al suo mutare di senso nel passato e nel futuro.   Ho scoperto che a volte coincide con una casa di mattoni, altre con una casa…

Una tasca piena di biglietti da visita

Se dovessimo avere un biglietto da visita in tasca per ogni ruolo che ricopriamo, Giorgio ed io, ne avremmo molti, tanti da caderci dalle tasche. Giorgio, alias l’Oscuro Spedizioniere, avrebbe un biglietto per la gestione del magazzino, uno per le spedizioni, un altro per il customer care, uno per la gestione delle fatture elettroniche e…

Piemontesi falsi e cortesi

RIFLESSIONI INTORNO ALLA GENTILEZZA Si dice “piemontesi falsi e cortesi”, io sono piemontese e cerco di percorrere una via di gentilezza. Sarò quindi anche falsa (oltre che cortese)? Per essere veri bisogna essere per forza scortesi? Ti avviso, in questo post ci sono più domande che risposte. L’idea comune è che una persona gentile non…

Preferisco i fiori di campo

Preferisco i fiori di campo, perché sanno badare a loro stessi, basta un po’ di terra e un po’ di pioggia.
 Preferisco i fiori di campo perché nascono dove i semi sono caduti e non dove dico io.
 Preferisco i fiori che sopravvivono in mezzo al catrame, forse perché voglio credere che la vita sia…

C’è stato un attimo. Storia di AAD

C’è stato un attimo, anzi ci sono stati due mesi, in cui tutti avevano qualcuno lontano. Genitori, amori, amici o figli, vicini ma lontani o lontani e lontani. In quell’attimo durato 2 mesi mi sono sentita più simile agli altri o gli altri erano più simili a me. I miei 600 chilometri che mi separano…