Ho come un serpe nei visceri

il

“…ho come un serpe

nei visceri, che si torce: e mille lacrime

spuntano in ogni punto del mio corpo,

dagli occhi ai polpastrelli delle dita,

dalla radice dei capelli al petto:

un pianto smisurato, perché sgorga

prima d’essere capito, precedente

quasi al dolore.”

(Pier Paolo Pasolini – La religione del mio tempo, la ricchezza)

Ho iniziato a leggere le poesie di Pier Paolo Pasolini con difficoltà, non è stato, e non è, un’avventura semplice ma è come una calamita. Torno sempre, anche solo per rileggere poche righe, al grande librone arancio che ha comprato Giorgio qualche mese fa. Man mano che mi addentro sento le sue parole più vicine, più amiche.

Ho iniziato a scrivere i versi che mi hanno colpito, che risuonano in me.
Li scrivo per capire, per obbligarmi a rallentare e assorbire ogni parola, per averne una traccia.

Ora uno di questi foglietti l’ho disegnato e quando disegno capisco, perché il disegno è lentezza e mi permette, ancor più della scrittura, di abitare quei versi ancora un po’.
Non so quanti dei miei foglietti diventeranno disegni ma questo mi ha colpito in particolar modo.
Il pianto che quasi precede il dolore, il corpo che soffre e piange ancor prima che il cervello capisca, registri, spieghi. Un pianto di tutto il corpo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...