Sii Gentile / con chi ha cura di te

Sii Gentile
con chi ha avuto
cura di te:
fiorisci di gratitudine
come un seme amato.
**************
siigentile_55_testo_bassa.jpg
Il Sii Gentile di oggi parla di cura, quante volte abbiamo avuto cura di qualcuno e quante altre ne abbiamo ricevuta?

Se chiudiamo gli occhi possiamo rivivere la cura che hanno avuto di noi da bambini i genitori, i nonni, la cura di qualche amico o amica in un momento difficile, la cura quotidiana e costante di chi ci vuole bene.
Oppure l’assenza di cura che ci fa sentire trasparenti e poco amati.

Si dice che quando qualcuno riceve molto cure poi fiorisca, lo si dice delle persone, ma anche degli animali, ed è proprio vero!
La cura ricevuta ci aiuta a stare meglio, a vivere meglio, a tirare fuori tutto il buono che possiamo dare.
Ricevere cure ci fa sentire sicuri e al sicuro, ci fa camminare forti e decisi per il mondo.

Eppure, molto spesso, la cura viene data per scontata.
Scontata è la cura delle madri, quasi dovuta.
Scontata è la cura dei genitori, dei nonni, dei mariti e delle mogli.
Avere cura di qualcuno non è, quasi mai, un obbligo, soprattuto se si è superata la maggiore età e si è autosufficienti.

Avere cura di qualcuno è saper fare spazio per quella persona dentro di noi, togliere un po’ del nostro ego per lasciare un angolo vuoto.
Solo se c’è dello spazio vuoto si può riempire, per questo non sempre il vuoto è un male, anzi!
Si può fare approvvigionamento di nuovo ossigeno solo se abbiamo espirato a fondo e liberato i polmoni dall’aria, così si può avere cura solo se abbiamo espirato a fondo un po’ del nostro ego.
Se abbiamo mai avuto cura di qualcuno o qualcosa, una pianta, una casa, sappiamo quanto sia impegnativa la cura, quanta dedizione richieda.
Sappiamo però anche quanto è bello vedere qualcuno o qualcosa brillare della nostra cura.

Sii gentile con chi ha avuto cura di te, non darle per scontate, non credere che sia un obbligo.
Usa quella cura per tirare fuori il meglio di te, fiorisci come il seme annaffiato da acqua e amore, germoglia.
Non sprecare la cura ricevuta ma usala per crescere e per restituirla, in un cerchio immaginario di cure date e ricevute, a qualcun altro.

siigentile_55_bassa.jpg
“Sii gentile”
 è un mio progetto nato alla file del 2018: ogni lunedì condivido sul blog degli spunti di gentilezza.
La gentilezza è un gesto rivoluzionario: fa sentire bene bene chi la fa e chi la riceve.
La gentilezza è una scelta e una pratica.
Non c’è nulla di sciocco o di debole in chi è gentile, anzi, mi sento di dire che sono persone che non hanno bisogno di una corazza di arroganza e maleducazione. Sono persone che hanno il coraggio di essere gentili con chi li circonda, con gli amici, coi familiari e con gli sconosciuti.
La gentilezza però non si limita alle persone: si può praticare anche verso il pianeta, verso gli animali e verso i sogni.
Spero che questi spunti possano farti sorridere e farti venire voglia di praticare la gentilezza, o se già lo fai, di proseguire con la consapevolezza che io sono con te.

A maggio 2019 è nato un libro quadrato con tutti i Sii Gentile apparsi in questi mesi, lo trovi qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...