Sii Gentile/28: con gli imprevisti

Sii Gentile
con gli imprevisti
che la vita ci regala.
Abbandona l’idea
di poter controllare
tutto.siigentile_28_testo_bassa

Il Sii Gentile di oggi tocca un nervo scoperto dell’universo femminile (ma non necessariamente solo femminile): la volontà di controllare tutto.
Avere il controllo delle giornate, di quel che accade, piace a tutti, ci tranquillizza, ci va vivere più sereni.
Però non tutto si può controllare: dalle reazioni delle altre persone, al brutto tempo fino alle malattie.
Ti racconto una cosa.
Aspettavo il secondo compleanno delle mie bimbe con molta gioia, avevamo deciso che sarebbe stata una giornata semplice ma di festa. 
Il programma prevedeva una festa all’asilo nido con gli altri bimbi, ognuna con la sua torta. Essendo due gemelle già condividono il giorno del compleanno e molto spesso ogni spazio di casa e di crescita, per cui ci tenevamo a fare loro due torte separate.
Poi saremmo andati a prenderle al nido e avremmo passato la giornata al parco giochi, il loro posto preferito.
Infine cena con i nonni in un ristorante con tanto prato intorno per giocare e altre due tortine con la loro frutta preferita, fragole per Demi e frutti di bosco per Leda.

Aspettavo questo compleanno con più ansia del mio ma pochi giorni prima del lieto evento Demi si è svegliata calda come un fornetto.
Le ho misurato la febbre e… la febbre c’era.
Vabbè, ho pensato, si riprenderà, ci sono ancora ben due giorni!
Invece la febbre è diventata un febbrone e due giorni dopo aveva mal di gola, tanta tosse, tanta febbre. Allora abbiamo rivisto i piani: Leda sarebbe andata all’asilo nido a festeggiare al mattino e Demi avrebbe festeggiato con noi. Poi la sera avremmo rifesteggiarlo a casa e le bimbe avrebbero aperto i regali.

E invece gli imprevisti non erano finiti qui.

La notte prima del compleanno Demi ha iniziato a vomitare, poi a tossire, tossire, tossire e piangere, piangere, piangere. Morale della cosa, che si è evoluta con punte tragicomiche come la sorella che è stata svegliata dai pianti e ha voluto fare colazione alle 3 di notte, non abbiamo dormito MAI fino alle 5 del mattino.
Poi si è addormentata stremata ma sempre tormentata dalla tosse.
Leda è andata al nido e io non riuscivo a muovermi dal letto.
Demi è stata qualche ora dai nonni mentre io cercavo di dormire un po’ e intanto mi assaliva un mal di testa martellante da stanchezza che mi impediva di camminare.

Tutto era andato in vacca: il pomeriggio fuori, il pomeriggio in casa, io ero così stremata da faticare a stare in piedi, Demi era così stremata da faticare a stare in piedi.

Però mi sono imbottita di analgesici e la giornata è proseguita con le torte, le candeline, le canzoni e l’apertura dei regali, persino Demi nel pomeriggio si è ripresa un po’.
A me è dispiaciuto molto che il secondo compleanno sia andato così ma non potevo farci nulla, non è in mio potere controllare la salute di Demi, il suo sonno, la reazione del mio fisico a due anni di sonni a intermittenza.
Però, a ben vedere, alle due bertucce non è mancato proprio nulla. 

Verso la sera Demi stava leggermente meglio e ha mangiato persino qualche fragola sulla sua torta, entrambe hanno riso e giocato.
Il problema era solo il mio che dovevo accettare di non poter controllare tutto. Questo è un esempio stupido di una piccola cosa (e chi ha figli piccoli ben sa quanto i programmi saltino velocemente!) ma il ragionamento si può estendere a molte altre cose, ben più grandi.
Abbracciamo l’imprevisto e cambiamo programmi, non possiamo controllare tutto.
siigentile_28_bassa
**************************************
“Sii gentile” è un mio progetto nato alla file del 2018: ogni lunedì condivido sul blog degli spunti di gentilezza.
La gentilezza è un gesto rivoluzionario: fa sentire bene bene chi la fa e chi la riceve.
La gentilezza è una scelta e una pratica.
Non c’è nulla di sciocco o di debole in chi è gentile, anzi, mi sento di dire che sono persone che non hanno bisogno di una corazza di arroganza e maleducazione. Sono persone che hanno il coraggio di essere gentili con chi li circonda, con gli amici, coi familiari e con gli sconosciuti.
La gentilezza però non si limita alle persone: si può praticare anche verso il pianeta, verso gli animali e verso i sogni.
Spero che questi spunti possano farti sorridere e farti venire voglia di praticare la gentilezza, o se già lo fai, di proseguire con la consapevolezza che io sono con te.

A maggio 2019 è nato un libro quadrato con tutti i Sii Gentile apparsi in questi mesi, lo trovi qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...