Libri Ispiranti: Keri Smith

il

Quando parlo di libri ispiranti non posso evitare di nominare Keri Smith e non un libro in particolare: TUTTI i suoi libri sono una bomba d’ispirazione!
I libri di Keri Smith sono allegri, sprizzano gioia di vivere da ogni pagina, chiedono, suggeriscono, interagiscono in continuazione con chi li legge.
keri_1
Hanno la semplicità di chi ha avuto un’idea geniale e te la racconta così, come se fosse la cosa più facile del mondo, sono propositivi e ti chiedono di vivere la vita di tutti i giorni come una grande avventura.
La prima volta che ho sfogliato “Come diventare un esploratore del mondo” ho pensato che fossero libri per bambini destinati agli adulti.
Finalmente qualcuno che parlava anche a noi grandi senza chiederci di non giocare, di non guardare il mondo con degli stupidi occhialetti rosa, senza dirci “siete grandi, quasi anziani, basta raccogliere foglie e immaginare grandi avventure”.
Keri Smith, con un sorriso, perché sono sicura che lei sorrida mentre disegna i suoi libri, ci chiede di svegliare il bambino che siamo stati e dirgli: “hei forza, ho ancora bisogno di te, giochiamo insieme!” keri_2
Una cosa che mi ha sempre stupito è la gran quantità di citazioni presente in ogni libro sulla creatività, immaginazione e sull’avventura.
“Siamo tutti artisti” (Joseph Beuys) recita la quarta di copertina di uno dei suoi libri.
Oppure “In ogni momento, dovunque tu sia, esistono centinaia di cose interessanti intorno a te, che vale la pena documentare”.
Il messaggio di Keri Smith è semplice: tutti siamo artisti perché tutti possediamo un’immaginazione, il mondo è un posto pieno di cose interessanti che possiamo studiare, catalogare e usare come sfondo per le nostre avventure.
L’entusiamo di questa artista non è fastidioso come alcuni libri motivazionali perché deriva dal suo sincero stupore nei confronti del mondo.
Keri Smith non ci promette che con la nostra immaginazione, ora risvegliata, diventeremo artisti quotati, ricchi, che cambieremo lavoro. Non ci promette nulla, ci chiede solo di giocare e di tornare bambini.
Forse è questo che rende i suoi libri così irresistibili: non sono percorsi personali per arrivare a un determinato obiettivo, come bravi bambini vogliamo solo giocare con lei che sa immaginare avventure così belle. keri_3

I libri di Keri Smith sono fatti per essere usati, ritagliati, strapazzati, colorati. Devo confessare di non aver mai avuto il coraggio di farlo, sono troppo belli.
Forse la soluzione potrebbe essere di comprarne due copie: una da usare e l’altra da conservare.
Lo so che lei non sarebbe d’accordo ma proprio non ce la faccio! keri_4

In ogni pagina di “Questo non è un libro” l’autrice prova a immaginare usi diversi per il volume: questo è un confine, questo è un giardino di pensieri, questa è una televisione, questa è una metodologia, questa è una scocciatura, questa è una sfida.
Il mio libro preferito di Keri Smith è “Il mondo immaginario di…” perché ti guida passo passo nella costruzione di un mondo tutto tuo, in modo semplice ma efficace.
Il libro chiede di costruire molte cose e la gran parte sono di cartone, lo trovo un esercizio stupendo e ti fa riflettere su come vorresti vivere, in che modo, dove.

Chissà quanti altri libri pieni di entusiasmo, gioia, voglia di giocare, immaginazione, ancora riuscirà a regalarci Keri Smith, io spero non smetta mai!
keri_6keri_5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...