Il buon senso

L’altro giorno stavo spingendo il passeggione gemellare quando mi sono imbattuta in cumuli di foglie.
Erano davanti alle poste, bei cumuli di foglie gialle. Morivo dalla voglia di buttarle tutte all’aria passando in mezzo a loro con il passeggione. Poi, purtroppo, ha vinto il buon senso.
Il buon senso.
Si parla spesso di questo buon senso:
“il buon senso che manca”,
“il buon senso da mettere”,
“il buon senso indispensabile per vivere bene in gruppo.” 

Il cattivo senso non lo cerca nessuno ma sono convinta che sia quello simpatico della famiglia.
Ricapitolando, i sensi sono cinque: tatto, olfatto, vista, gusto e udito. Quando hai il raffreddore il tutto si riduce a quattro sensi.
Il gusto è spesso cattivo:
“il cattivo gusto impera!”
“guarda che abito di cattivo gusto”
,
quindi lo escluderei dai buoni.
Poi c’è il sesto senso che è una cosa strana,  tutti ne parlano ma nessuno sa chi è.
Dovrebbe essere un supereroe o un unicorno.
Volevo dire che dovrebbe essere come Batman ma tutti sappiamo chi è batman.
Poi c’è Dylan Dog che ha cinque sensi e mezzo ma non si è mai capito che è quel mezzo.
Quindi ci rimangono quattro sensi come candidati per il buon senso.
Se si sapesse chi è sarebbe più facile averlo.
Si potrebbe invitare a casa, preparargli una camera tutta per lui e aggiungere pure un piatto per la cena.
“Questa è una casa di buon senso” si potrebbe scrivere sulla porta.
E lui direbbe modesto: “ma no, sono solo un ospite”.
Il buon senso deve essere, per forza di cose, modesto.
Dovrebbe vestirsi con colori tenui e abiti compassati: cardigan e pantaloni di velluto.
Viaggerebbe solo coi mezzi pubblici, per evitare di alzare il livello delle polveri sottili che, essendo polveri, devono stare a un livello molto basso.
Il buon senso porterebbe il cane al parco a fare i suoi bisognini con paletta e sacchetto.
“In questo parco c’è buon senso” si potrebbe scrivere all’ingresso.
E pure questo racconto, se io avessi del buon senso, non avrei iniziato a scriverlo.

Un commento Aggiungi il tuo

  1. sidilbradipo1 ha detto:

    Il buonsenso è “la capacità naturale, istintiva, di giudicare rettamente, soprattutto in vista delle necessità pratiche”. Nel tuo caso, è la capacità di vedere meraviglia là dove altri non vedono che banalità 😀
    Bacione
    Sid

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...