La felicità è un mezzo (di trasporto)

Non mi piacciono le cose fini a se stesse.
Le cose che iniziano e finiscono dentro di loro, quell’eterno cerchio da cui non si esce mai.
Mi piacciono le cose che iniziano qui e ti portano laggiù, le cose che ti portano a spasso, che riescono a farti progredire o almeno a farti fare un giro per vedere cosa c’è intorno.
Mi piace il movimento. felicita

Per questo mi piacciono i mezzi di trasporto e primo fra tutti il treno, nonostante i ritardi di trenitalia.
Il treno mi dà la possibilità di guardare fuori dal finestrino, di dormire e di parlare con degli sconosciuti, che raramente avrei incontrato altrove.
Il treno rende il mio andare da A a B molto piacevole.
Per questo quando parlo di felicità (un po’ a sproposito) non la vedo come un cerchio, come uno stato d’animo che inizia e finisce lì.
Mi piace immaginarla come il punto di partenza per fare tante cose, per essere nella condizione di vivere bene, per parlare bene, per far vivere bene gli altri e per parlare bene con loro.
Quando siamo grigi, arrabbiati, tetri, difficilmente riusciamo a migliorare qualcosa, di solito al nostro cattivo umore possiamo sommare solo altre cose ugualmente sgradevoli. Umore grigio, pensieri grigi, parole grigie che ci portano solo risposte grigie e altre facce grigie.
Come facciamo a vedere l’opportunità da cogliere, il nuovo, la cosa bella se siamo concentrati sul nostro grigio?
I pensieri brutti trovano solo cose brutte.
Un discorso banale ma vero. 15073397_1126151537497977_8676396754534119228_n
Nella felicità vedo la giusta disposizione d’animo, il giusto mezzo, per poter raggiungere belle destinazioni, rincorrere bei pensieri e cogliere delle opportunità.
La felicità ci può portare verso cose belle e momenti belli.
La tristezza è ferma, stagnante, è come rimanere immobili a fissare un muro grigio mentre la felicità è come un bel mezzo di trasporto.
Per questo ho scelto il simbolo della macchinina arcobaleno (ma, a ben pensarci, poteva essere un treno) per parlare di felicità su burabacio, non è il mio logo ma rappresenta bene la mia filosofia. Da poco ho stampato delle etichette con la macchinina arcobaleno con cui chiudo tutti i pacchi della bura-bottega, quindi, se riceverete anche voi una macchinina che parla di felicità e di mezzi di trasporto ora sapete cosa vuol dire.  14915636_1125704224209375_4945985153869211679_n-1

Annunci

4 Comments Add yours

  1. modellounicoblog ha detto:

    Mi piace molto la tua definizione della felicità! per me la felicità è un albero, che si ramifica, che mette foglie che sono progetti e fiori che sono obiettivi, le foglie che cadono come obiettivi raggiunti diventano humus per coltivare altri progetti. Gli insetti e gli uccelli che entrano in contatto con l’albero sono persone che portano in giro un po’di felicita per farla crescere e attecchire da qualche altra parte. Buona giornata e complimenti!!

    1. asabbri ha detto:

      Bellissima anche questa immagine! Mi piace molto l’idea dell’humus e degli uccelli che portano un po’ di felicità in giro!
      Buona giornata a te!

  2. Francesca ha detto:

    Davvero stupendo, mi piace molto l’idea di associare la creatività alla quotidianità perché con le piccole cose si possono fare grandi sorrisi 😊

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...