I Giovedì della Meraviglia: il vestito

il


L’altro giorno cercavo un vecchio post sul blog in cui avevo scritto cos’era per me “la Meraviglia” e ho trovato questo qui datato 2014.
Ormai sto invecchiando alla ricerca della Meraviglia!
Sono sicura che ci siano modi ben peggiori di passare il tempo però la cosa mi ha fatto riflettere: ben due anni passati al servizio della piccola bellezza!
Ormai la Meraviglia mi è entrata sotto pelle e da un semplice testo scritto è diventata un quaderno e poi una serie di video!
Per non parlare dei tanti disegni intorno agli oggetti di cui è cosparso il blog, dei giochi e delle esortazioni a cercare il bello in tutte le cose.
La Meraviglia è un processo attivo di ricerca della bellezza ed è il contrario del lamento, il suo opposto passivo.
Il lamento non fa, non propone, non crea: il lamento corrode.

Corrode le idee, le proposte, le buone intenzioni, la voglia di migliorare e la voglia di cambiare.
Il lamento è il muso lungo con cui il mondo ci accoglie ogni mattina, è il collega che non ci guarda in faccia, è l’edicolante che ci porge il giornale parlando di tutto quel che non va con un amico,  è nostra madre che  sottolinea tutto quello che non è andato bene in settimana ma, alla nostra proposta di modificare qualcosa, ci dice che no: “tanto non serve a niente”.
Il lamento è l’assenza di gentilezza.
Il lamento è un divano che solo all’apparenza è scomodo, in realtà è il posto perfetto per gli immobili
, il trono da cui dispensare condanne e impossibilità di cambiamento. Nel lamento ci si accuccia e ci si siede.
gonna
Io nella Meraviglia ci credo fermamente e non perché io sia Pollyanna dentro, anzi.
Sono una brontolona, lamentosa e spesso pessimista. Mi butto giù per poco e poi mi esalto per altrettanto poco. Si, lo so, assomiglia alla sindrome bipolare tutto ciò…
Nella Meraviglia ci credo perché sono convinta che dobbiamo cercare, ogni giorno, di essere paradiso per noi e per gli altri o almeno non dobbiamo trasformarci nel loro inferno.
Sono convinta che non ci sia nulla di meritevole nell’inquinare l’aria con parole brutte, astiose, rancorose solo per la volontà di vomitare sugli altri il nostro malessere.
Sono convinta che se ognuno di noi si impegna a non inquinare l’ambiente con cartacce, plastica e schifezze varie possiamo sforzarci di limitare l’inquinamento emotivo e permettere a qualcuno di essere un po’ più felice. Per prima cosa possiamo permetterlo a noi stessi.
Questa è la Meraviglia: impegnarsi a migliorare il nostro ambiente e la nostra vita ogni giorno.

Annunci

12 commenti Aggiungi il tuo

  1. sidilbradipo1 ha detto:

    La tua meraviglia affascina e incanta ❤
    Ti seguo, così mi meraviglio anch'io 😛
    Bacio
    Sid

    1. asabbri ha detto:

      🙂 meravigliamoci!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...