Quaderno d’artista (artista io, artista tu)

il

12650942_913753292071137_836332384006666930_nHo scoperto una cosa: mi piace creare quaderni, disegni, vignette che prevedano l’intervento di qualcun altro oltre il mio.
Ebbene si, lo sospettavo da un po’ ma ora ne ho le prove.
Se già mi piace disegnare, raccontare, prendere appunti solo per me, riuscire a fare qualcosa che parte da me e viene completato da te mi fa impazzire!
Da qualche giorno mi ronzava in testa l’idea (ZZZZ) di creare un quadernino tutto a mano, interamente a mano, con i ritagli più disparati.
12670283_913753192071147_2611568165067493720_n
Si ma come lo rilego?
Semplice! Con degli anelli metallici, quelli da quaderno con gli anelli ma senza quaderno. Ho girato un po’ e li ho trovati!
Superato questo scoglio ho cercato di creare quel che il metodo Montessori raccomanda per i piccini: creare giochi con consistenze diverse, sia al tatto, sia all’olfatto che alla vista. Credo che pure ai grandi farebbe bene tornare a confrontarsi col mondo e le sue consistenze, così ho realizzato questi quaderni cercando di assemblare fogli il più possibile differenti: dalle buste per corrispondenza alla plastica, dai fogli del block notes al cartoncino, dalle carte da pacchi ai fogli di carta velina. Fogli lisci, ruvidi, spessi, sottili.
12592781_913753265404473_7806113540428098385_n
Perché?
e perché no?

In tutta sincerità sono io quella che ha bisogno del metodo Montessori, passo così tanto tempo davanti al computer che tutto mi sembra virtuale, disegno senza sporcarmi con una comoda tavoletta elettronica, sbaglio senza dover buttare via il foglio, cambio colore e dimensione senza doverne fare una nuovo, mescolo i colori fra loro con un selettore che non conosce errore.

Tutto perfetto, direte voi e lo dico pure io, tutto perfetto eppure alla lunga mi sento come messa dentro una stanza d’ospedale, il digitale mi dà questa impressione, tutto troppo bianco, troppo pulito, senza odore, senza tatto o forse è solo la sovra-esposizione al lavoro digitale. Non posso dire che non sia comodo, sarebbe davvero assurdo, né che i risultati non siano belli, sarebbe altrettanto assurdo però sento l’esigenza di recuperare olfatto, tatto e udito come sento la necessità di stare all’aria aperta12592287_913753225404477_6469020431847135102_n

Per cui ben vengano i quaderni d’artista, come li ho presuntuosamente chiamati, artista io che li faccio e artista tu che ti accingi a completarli, ben venga il colore che cola sul foglio, la macchia sul pavimento, la colla sotto le dita, il taglio sbagliato, il foglio troppo piccolo! Ben vengano il tatto, l’olfatto e l’udito oltre la vista, ben venga un po’ di vita “analogica”!

quaderno3quaderno5I quaderni sono realizzati con tutto quel che ho trovato e gli anelli ben si prestano ad aggiunte, fogli altrui, estensioni. Non è bello?
Io ci incollo sopra carte da gioco, bustine del the, ritagli del giornale e molto spesso le pagine chiedono delle cose: mi racconti a cosa stai pensando? Ti sfido! E ti propongono una partita a tris, mi racconti una storia? Mi racconti una bugia? Guarda oltre! Scrivi l’elenco delle cose che ti piacciono! Incolla qualcosa qui!
Le pagine hanno bisogno di qualcuno che le accolga e voglia giocare con loro. Per questo il quaderno non può dirsi completo finché un’altra mano non lo compila. quaderno4

Nel mio canale YouTube (eh si ho pure il mio canale!) ho caricato il video in cui chiacchero, chiacchero e chiacchero per raccontare il quaderno!


Non resisti dalla voglia di avere il tuo quaderno fatto su misura? Di ogni quaderno, ovviamente, c’è un solo esemplare! Ogni tanto ne metterò uno in vendita nella mia bura-bottega su Etsy, clicca qui per andare a controllare se c’è!

quaderno2

Annunci

8 commenti Aggiungi il tuo

    1. asabbri ha detto:

      Grazie! 🙂

  1. indianalakota ha detto:

    Non ci crederai ma io li uso già con i miei studenti e con la mia famiglia.Abbiamo quaderni con anelli in cui ognuno aggiunge una pagina con quello che vuole:pensieri,poesie disegni,foglie,parolacce…..e carpette per i pupazzi,gli origami ecc. Un modo creativo per condividere e scambiare con gli altri una parte di sé e conoscersi meglio 😊

    1. asabbri ha detto:

      Un bel modo per conoscersi!

  2. Redazione Antonia ha detto:

    Ma che fantasia che hai!!!
    Complimenti 🙂
    Ho ribloggato questo post 🙂 Ciao!

    1. asabbri ha detto:

      :)) grazie! la fantasia cerco sempre di tenerla viva!

  3. sidilbradipo1 ha detto:

    Bellissimo ❤
    Bacio
    Sid

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...