Il pesce rosso non è più nella boccia.

Sabato, mentre mi dilettavo con Periscope facendo grande caos tra zanzare che mi pungevano, colori che rotolavano via, la ripresa che – non sapendo come spegnerla – la ribaltavo e inquadrava così il mio faccione disperato, ho provato a disegnare qualcosa sul momento con il carboncino.
Il risultato mi ha sorpreso, sarà stata l’urgenza, la rapidità di esecuzione, ma l’esperienza di avere poco tempo mi ha regalato qualcosa in più sul livello comunicativo: un tratto leggermente diverso.

Nel bel mezzo del disegno è nato un pesciolino rosso.
Un pesciolino molto rosso che sta laddove i pesci rossi non stanno, su una mano, beato e sereno.
Quest’immagine mi ha lasciato una frase in testa:
Il pesce rosso non è più nella boccia.
10421990_794517217328079_931985185775680481_n
Dalla frase mi è uscita una sorta di poesia, una di quelle che so scrivere io, semplici, quasi elementari. L’ho corredata con un pesciolino rosso colorato con pastelli ad olio e qualche pennellata di acquerello.
1 2 3

Il pesce rosso non è più nella boccia.
È sul soffitto
Nuota in compagnia dei faretti
E non scenderà.

Il pesce rosso non è più nella boccia.
È sulla credenza
A controllare tutte le cose
A cui crediamo ogni giorno
E non tornerà.

Il pesce rosso non è più nella boccia.
È nella ciotola del cane,
Ci ha messo le ruote
Per girare il mondo.
Ora non è più qua.

Il pesce rosso non è più nella boccia.
È sull’albero del ciliegio
A confondersi coi suoi frutta
E più non si vedrà.

– Non ti farai male a stare su un albero?
– Il male è la boccia. Le ciliegie sono buone.

Il pesce rosso non è più nella boccia.
È sulla panchina laggiù
A guardare il tramonto
Col gatto arancione
E mai più in cerchio nuoterà.

Il pesce rosso non è più nella boccia.
È davanti alla tivvù
A guardare i pesci rosa
Che si agitano lì.
Mai più il mangime attenderà.

Il pesce rosso non è più nella boccia.
Ora che è vuota
Sembra più piccola.
Ora che è vuota
Posso buttarla
Perchè il pesce rosso mai più ci abiterà.

Perché lui non è più nella boccia.

11390012_794674980645636_85318583577488826_n

Invece il mio tavolo è davvero, disperatamente, così.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...