Immagini che si rincorrono

Alle volte non c’è un disegno preciso, una composizione dichiarata ma solo la voglia di seguire il filo dei propri pensieri e linea dopo linea rincorre un volto, un sorriso, una luce (no la luce no che è sempre quella al fondo del tunnel). Così sto srotolando un foglio lungo 30 metri dell’ikea senza chiedermi cosa voglio…

Idee per non estinguersi di lunedì: la meditazione

Siamo giunti al secondo appuntamento del “idee per non estinguersi di lunedì”, è una buona notizia perché vuol dire che l’idea dell’altra settimana ha funzionato e siamo ancora tutti qui a lamentarci di un nuovo, terribile, lunedì. Il lunedì è il giorno del risveglio dei rompiballe, del vicino di casa impiccione, del titolare innervosito dalla partita di calcio…

Dove finisce il tempo immaginato?

Il tempo immaginato dove finisce? Da un po’ di giorni mi porto dietro questa domanda: il mattino la infilo nella borsetta e la sera la ripongo sotto al cuscino. Tutti noi abbiamo un tempo non consumato, un tempo che, appunto, è solo immaginato, che rimane lì sospeso nei nostri desideri, ore o giorni che lasciamo da qualche…

I tanti modi per stimolare la meraviglia: disegnare sulla realtà

Gli intrusi sono una promessa di stupore, il mio quotidiano impegno per risvegliare la Meraviglia. Sono un invito a guardare meglio: a cercare di più e con più impegno, ad essere esigenti. (Le fotografie su cui ho disegnato sono de I fotografi ambulanti)

Idee per non estinguersi di lunedì

Oggi è lunedì, la giornataccia per eccellenza. Proprio oggi vorrei compiere un atto coraggioso ed inaugurare una rubrica: Le idee per non estinguersi di lunedì La prima proposta è costruttiva (ma non escludo di disegnarne altre molto distruttive): Ritagliarsi momenti che profumano di buono e poi via, si ritorna a cacciare sulle rive del Nilo!  

Il cuore è miope

Ieri sera, durante la lezione di aikido, c’è stato il momento meditazione. Cos’è il momento meditazione? E che ne so. Niente di strano, niente incensi, nessuno che vola per aria. Sono “minuti rubati al chiasso” in cui il cervello va a spasso, corre, un pensiero scappa a sinistra, uno a destra, un altro si smaterializza e…

La trasformazione del dolore

Nessuno ama parlare del dolore forse perché è associato alla morte, eppure il dolore è strettamente legato alla vita, più di ogni altra cosa. La natura e intensità del dolore è così varia che sarebbe stupido e riduttivo volerla analizzare in poche righe, mi interessa invece parlare della sua TRASFORMAZIONE. Il dolore esiste, non può essere…