A Roma domenica c’era il mare, una promessa d’estate e qualche pirata.

A Roma, domenica, l’aria era tiepida, ben diversa da quella che si respira in Umbria ai primi di marzo. Qui il vento di Tramontana la fa da padrone, è un vento meno addomesticato, selvatico e notoriamente poco gentile, un vento un po’ da torcicollo, che ti scompiglia tutta e non ti chiede nemmeno scusa. La Tramontana è un vento che non deve chiedere mai.
Poi sarò io ad essere prevenuta, sono torinese e come dice il mio compagno, ci sono 3 categorie che temono il vento: i cani, i gatti e i torinesi.
Infatti anche il mio cane sopporta male il vento, in genere si dà alla fuga, impazzito dal terrore.
Quell’aria romana invece era docile, un vento da carezze! Non ti scompiglia i capelli, anzi, passando te li acconcia con grazia e garbo, un colpo di spazzola e una passata di piastra, che signora mia con l’umidità non si scherza.
Insieme a lui c’erano tanti gabbiani che berciavano sguaiati come delle vecchie comari in un cortile…
A Roma domenica c’era il mare, una promessa d’estate e qualche pirata.piratiromani

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...