passato imbottigliato

il

STUDIO

Nessuno ci crederebbe se precisassi
che mi piace proprio per quel tanto
di addome che le si gonfia –
Per quelle gambe da Cranach
e il seno da Tiziano
che è un po’ difficile metterli d’accordo –

E lei stessa al sentirmi che le dico – ti amo
non per il più di bellezza, ma per il meno:
“lo sapevo da sempre” (riderebbe) “che sei così
strano, così scemo” – GIOVANNI GIUDICI

Ho ritrovato questa poesia di Giovanni Giudici l’altro giorno, salvata su un file di word tanti anni fa, chissà come mai. Ha tanto il sapore di un messaggio in bottiglia, nascosto e ritrovato anni dopo, una comunicazione dal passato.
Da piccina nascondevo, in una piccola rientranza di casa, disegni, ritagli di giornale, piccoli giochi e altre cosine, che all’età di 8 anni ritenevo importanti, per riscoprirle e riguardarle anni dopo, piccoli tesori messi via per gustarli meglio da grandi.
Credo sia una cosa molto comune, come le scatole seppellite in giardino dai bambini con i soldatini e le figurine dei calciatori (credo da bambini maschi).
E non ci sbagliavamo, ritrovare le cose messe via nel passato, specie se da bambini, fa sempre un bell’effetto e ci ricorda momenti che avevamo dimenticato, tanti piccoli amori, passioni, idee. Ci ricorda le personcine che eravamo.

Fortunatamente non tutto quello che viene dal passato è un male, ultimamente l’avevo dimenticato. Dal passato avevano bussato alla mia porta tanti momenti, tanti ricordi con un retrogusto un po’ amaro, tanti fatti che alla luce del “poi” hanno il sapore della sconfitta. Ho anche sentito bussare il passato altrui, non proprio alla mia porta ma ad una abbastanza vicina da sentire vibrare i muri, che sono sottili, e non potendo rispondere ho solo ascoltato in silenzio quel rumore, con ansia mal celata.
Come quando i testimoni di geova suonano al campanello e si sta immobili in casa per non farsi vedere.
Poi questo passato imbottigliato, che non ricordavo, che non fa male: evviva i passati imbottigliati.

Inoltre volevo farvi sapere che in questi giorni ho visto diversi alberi baciarsi, dei veri spudorati. Ne ho fotografati solo due, stavo correndo e appena visti ho sfoderato il mio smartphone per immortalare la scena, saltellando sul posto per cercare di fare una foto decente, non che andassero chissà dove, ma io non sarei stata sempre lì per fotografarli, quindi ho rubato il momento e il bacio.
Con la primavera le foglie si sono allungate, protese fino a toccarsi. Un albero di strada, forse di nessuno e un albero di buona famiglia, nato dentro una casa. L’albero di strada con audacia si è proteso il più possibile, l’avevo detto anche nell’altro post che durante la primavera le piante diventano prepotenti, ed è andato a baciarsi quell’altro di buona famiglia.
Una storia commovente!

alberi

Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. laura ha detto:

    che bello il bacio tra gli alberi, molto romantico!
    il passato per me è la nostra storia, il nostro bagaglio, a volte ingombrante, a volte pesante, ma necessario per essere quello che siamo
    e il fatto di riuscire a vedere due alberi che si baciano è un piccolo miracolo, significa che il cuore non batte solo per pompare sangue, ma per “sentire” tutto quello che c’è intorno

    1. asabbri ha detto:

      🙂 cercare di vedere nelle piccole cose motivi per cui sorridere, guardare ogni albero come un font, una persona o inventarsi una storia per me è un gioco e una speranza di non diventare una macchina tritagiorni!
      Eh si Laura il passato è tutto quello che abbiamo, solo che a volte diventa un freno e un peso, bisogna usarlo bene che è un’arma contundente

      ^__^

  2. Chiara ha detto:

    Bello Sabri. Mi piace come scrivi e quello che scrivi (non stavo citando impropriamente Re Julien XD )

    1. asabbri ha detto:

      grazie chiarina! :*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...